Rifiuti abbandonati, fototrappole installate per scoprire gli incivili

Giovedì, 30 Gennaio 2020

La lotta agli abbandoni di rifiuti all'interno del Comune di Massa Marittima si fa sempre più stringente: adesso l'amministrazione comunale ha deciso di dotarsi di un nuovo sistema di fototrappole che potranno riprendere chi getta i rifiuti dove non dovrebbe. I soli servizi istituzionali tradizionali della polizia locale non bastano e vista la necessità di adottare misure adeguate per contrastare il fenomeno dell'abbandono e del conferimento illegale dei rifiuti e di conseguenza prevenire il verificarsi di situazioni di degrado nel territorio comunale, è stato scelto di servirsi di nuovi strumenti. L'obiettivo è identificare i trasgressori e impedire il radicamento di discariche abusive. La fototrappola raccoglie e registra immagini che permettono di identificare in modo diretto o indiretto i trasgressori. Lo strumento permette di realizzare sia foto che riprese vide e verrà installato a rotazione nelle aree interessate dal ripetuto abbandono dei rifiuti. Tra queste sono compresi i cimiteri, i posteggi, i parchi e i giardini pubblici. Si tratta di innovativi sistemi di videosorveglianza che, appena rilevano un movimento, scattano video e foto di giorno ed anche di notte grazie ai led infrarossi invisibili all'occhio umano, pertanto l'intruso non si accorge di essere ripreso. Le foto e i video vengono registrati nella scheda di memoria interna e in questo modo facile risalire agli autori degli abbandoni. Le telecamere posizionate nelle zone più a rischio, perché isolate oppure facilmente raggiungibili con i mezzi, serviranno a riconoscere e sanzionare tutti coloro che scaricano dentro e soprattutto fuori dai cassonetti materiale non autorizzato. Queste speciali telecamere permettono infatti di individuare le persone e anche le targhe dei mezzi dai quali vengono abbandonati i sacchetti e rifiuti di ogni genere. In seguito all'identificazione verranno poi fatte delle sanzioni che dovrebbero quantomeno scoraggiare l'abbandono e incentivare ad un corretto conferimento dei rifiuti.

Fonte