I trent’anni della Coop con l’iniziativa ambientale «Voliiamoci bene»

Martedì, 30 Gennaio 2018

LA COOP di Salivoli ha festeggiato ieri i 30 anni di attività. Prima dei festeggiamenti ha inaugurato il raccoglitore di olio vegetale domestico residuo, in collaborazione con Sei Toscana. L’iniziativa fa parte del progetto ‘Voliiamoci bene’, promosso dalla sezione soci Coop di Piombino ed intende promuovere tra i soci e consumatori della Cooperativa la pratica ecologica del corretto smaltimento dell’olio vegetale domestico. «Unicoop Tirreno ha risposto positivamente all’invito dell’assessore alle politiche ambientali Marco Chiarei di aderire al progetto di raccolta dell’olio vegetale esausto promosso dalla ditta Calussi srl – ha dichiarato Paolo Bertini, responsabile soci Unicoop Tirreno – la collaborazione con le istituzioni locali rafforza il significato dell’iniziativa». «COOP resta un’eccellenza del nostro territorio – ha ricordato il sindaco Massimo Giuliani – per questo ci auguriamo che riesca a superare positivamente l’attuale momento di difficoltà. Anche iniziative come la raccolta dell’olio domestico esausto (in collaborazione con il Comune di Piombino) rappresentano un buon segnale di rinnovata presenza sociale e ambientale della Cooperativa per un servizio di utilità ecologica che voglio ricordare è a costo zero per il consumatore e il cittadino». «SEI Toscana ha affidato il servizio specifico di raccolta dell’olio alimentare esausto ad aziende specializzate – dice Roberto Paolini, presidente di Sei Toscana – garantendo ai cittadini un servizio efficiente e con l’obiettivo di trasformare in risorsa qualcosa che, ancora oggi, viene considerato prevalentemente un rifiuto. L’attivazione di questo nuovo punto di raccolta darà un’ulteriore possibilità (oltre alla possibilità di portarlo ai centri di raccolta di Fiorentina e di Riotorto via della Bonifica) ai cittadini di Piombino di conferire il rifiuto in modo corretto preservando l’ambiente e contribuendo anche ad incrementare le quantità di rifiuto intercettate in modo differenziato».

Fonte