Abbandono dei rifiuti, la stretta Già arrivate le prime sanzioni grazie alla videosorveglianza

Sabato, 23 Novembre 2019

Pugno di ferro con chi abbandona rifiuti in maniera impropria. In pochi mesi sono circa una ventina i verbali che le guardie ambientali hanno passato agli uffici della polizia municipale per trasformarle in multe pecuniarie. Si tratta di illeciti compiuti dai cittadini beccati attraverso sistemi di videosorveglianza o ispezione diretta. «Stiamo lavorando a 360 gradi per migliorare i numeri della differenziata nel territorio – sottolinea il primo cittadino – e in questi mesi abbiamo messo a fuoco alcune criticità che contiamo di risolvere. Mi riferisco in particolare ad alcune piazzole in centri periferici penso, giusto per fare un esempio, a Pietraia o a Castel Girardi, in cui nonostante la ripulitura costante da parte degli addetti, continuano a crearsi situazioni di disagio ambientale con cassonetti straripanti. Grazie ad alcuni controlli mirati abbiamo multato alcuni cittadini indisciplinati e non ci fermeremo». Il Comune ha messo a fuoco alcune migliorie che sono state discusse in un tavolo congiunto con il gestore Sei Toscana a cui ha preso parte l’assessore all’ambiente del Comune di Cortona Paolo Rossi. «Da gennaio saranno aumentate le postazioni di video sorveglianza mobile per poter meglio monitorare le aree sensibili – fa sapere Rossi – Ne sono in arrivo in tutto 10. Inoltre prosegue il servizio di gestione ambientale da parte del personale dedicato che settimanalmente lavora nel territorio». Tra le novità di inizio anno, per aumentare la percentuale di differenziata, arriva anche il raddoppio del personale in forza al centro di raccolta del Biricocco a Camucia. «Era un’esigenza su cui ci siamo concentrati fin da subito – spiega ancora Rossi – perché i cittadini fanno molto riferimento al centro. Seguirà, dai primi mesi dell’anno prossimo, anche un prolungamento dell’orario di apertura. Ricordo, per altro, che conferire in discarica significa poter accumulare anche sconti significativi in bolletta». Oggi i numeri della raccolta differenziata arrivano ad una percentuale del 54,8%. «La quota sta crescendo, ma non è ancora soddisfacente – commenta il sindaco Meoni – Occorre un maggiore contributo da parte dei cittadini».