Trovato un accordo per la revisione del servizio da parte di Sei Toscana

Martedì, 25 Ottobre 2016

DOPO le varie proteste del sindaco di Pitigliano, Pierluigi Camilli, per il servizio dei rifiuti e il loro costo, qualcosa si è mosso. Con un comunicato il sindaco di Pitigliano fa sapere che tutto cambierà. «non siamo fuori dal tunnel ma un po’ di luce si comincia a vedere». Questo è il comento del sindaco di Pitigliano Pierluigi Camiilli», sull’incontro a Siena con i vertici di Ato e Sei Toscana, tema: le tariffe del servizio rifiuti a Pitigliano. Dopo le varie polemiche e i numerosi confronti – prosegue il sindaco Camilli – a Siena sono emerse importanti novità, è stato raggiunto un accordo per la revisione del servizio da parte di Sei Toscana». IL SINDACO Camilli ha ribadito l’insostenibilità delle attuali tariffe di un servizio che è passato da 6000.000 euro a poco meno di 900.000 euro in soli tre anni, con l’amara prospettiva di raggiungere il milione alla fine del 2017. Dopo un’approfondita riflessione e la minaccia del primo cittadino pitiglianese di non inviare più la bolletta Tari ai cittadini, sia Ato che Sei Toscana hanno riconosciuto la criticità delle tariffe e si è così giunti a un primo accordo. Entro il prossimo mese di dicembre Sei s’impegna a presentare una nuova forma di organizzazione della raccolta rifiuti che non esclude l’abbandono del porta a porta (si potrebbe passare ad una raccolta differenziata di prossimità). Una riorganizzazione che annullerà gli aumenti previsti per il prossimo anno e si spera addirittura in una limatura delle attuali tariffe. «C’è soddisfazione - ha dichiarato il sindaco Pierluigi Camilli – per l’ammissione del problema tariffe/servizio da parte di Ato e Sei Toscana e questo rappresenta un primo positivo risultato. Il nuovo progetto dovrà ridimensionare i costi rendendoli più «umani». A volte, come un po’ di fantasia – conclude il sindaco Camilli – si riesce a risolvere i problemi più complicati».Per questo nuovo servizio di organizzazione alla raccolta rifiuti sono interessati anche altri comuni del territorio.