Rifiuti, sconti per chi utilizza il centro di via Amendola

Martedì, 19 Dicembre 2017

Sconti per chi conferisce i rifiuti al centro di raccolta di via Amendola. Il consiglio comunale del golfo ha approvato all'unanimità il nuovo Regolamento delle strutture di supporto ai servizi di raccolta. Modalità di ingresso e di conferimento ma anche premi per i cittadini che usufruiscono del centro in modo continuativo, specialmente se proprietari di un'attività commerciale. Non solo: è stato approvato un protocollo d'intesa con il Comune di Gavorrano per aprire anche ai residenti e commercianti del Gavorranese la struttura di via Amendola. Il regolamento, predisposto dall'Ato Toscana Sud, stabilisce alcune regole clou: dalle misure per assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani, alle modalità del servizio di raccolta e trasporto di essi, alle modalità del conferimento della raccolta differenziata e del trasporto degli scarti e assimilati, alle norme per i rifiuti pericolosi. Ma la norma più importante è data dalla modalità del conferimento al centro, poiché questo sarà consentito solo ai soggetti iscritti nell'Albo conferitori abilitati mediante un sistema d'identificazione informatizzato, finalizzato proprio all'individuazione dell'utenza autorizzata, all'accesso e alla pesatura delle singole matrici di rifiuto conferito. Tra i soggetti ammessi al conferimento, ci sono tutte le utenze domestiche e non domestiche di Follonica, purché regolarmente soggette alla tariffa sui rifiuti. «Informatizzare il centro di raccolta - conclude Giorgieri - ci permetterà di costruire un database digitale contenente gli accessi e avere un maggior controllo, ma anche una lista aggiornata dei conferitori che potranno per questo essere premiati con incentivi economici. Nella delibera abbiamo previsto che ad ogni conferimento corrisponda un determinato punteggio a seconda della tipologia di rifiuto portato al centro di raccolta e lo step successivo sarà monitorare l'andamento di questi accessi così da poter prevedere, qualora ci fosse un effettivo aumento dell'utilizzo della struttura, una minore frequenza di svuotamento dei cassonetti stradali, andando così a comprimere i costi di gestione». E oltre a questo, anche chi vive e opera a Gavorrano potrà usufruire del servizio.

Fonte