Costa e isole toscane scommettono sul turismo green Il G20 delle spiagge a Castiglione della Pescaia

Mercoledì, 18 Settembre 2019

Dal 18 al 20 settembre, a Castiglione della Pescaia (GR) si terrà la seconda edizione del G20 delle spiagge italiane, un importante meeting delle maggiori destinazioni balneari italiane che quest’anno è organizzato dal Comune di Castiglione della Pescaia in collaborazione con Toscana Promozione Turistica e Regione Toscana.

Gli organizzatori sottolineano che «L’evento vedrà protagonisti alcuni dei più importanti player turistici del Paese che si confronteranno, tra le altre cose, su questioni come la sostenibilità ambientale, l’accessibilità e l’inclusività, nella piena e completa consapevolezza che per raggiungere l’ambizioso obiettivo della realizzazione di una costa toscana completamente sostenibile è necessario dare forma ad una vera e costruttiva sinergia tra sostenibilità ambientale e offerta turistica». Per questo, Toscana Promozione Turistica, Regione Toscana e Legambiente, hanno organizzato un tavolo di approfondimento su Costa e Isole Toscane come destinazione sostenibile, che si terrà il 19 settembre a partire dalle ore 14.30.

Legambiente spiega che «I principali stakeholders dei 12 ambiti turisti della Costa e delle Isole toscane discuteranno di come e perché qualificare i propri territori come destinazioni turistiche sostenibili. Con questo tavolo di confronto si apre il primo step della seconda fase del progetto “Costa Toscana/Isole Toscane”, in occasione del quale si parlerà appunto di sostenibilità, declinandola in ogni suo aspetto. Si affronterà dunque il tema della mobilità sostenibile, ma anche quello relativo ai modelli di consumo turistico sostenibili, all’innovazione dell’offerta e delle infrastrutture, al marketing e ai nuovi mercati».

A  partecipare saranno Eugenio Giani (Presidente Consiglio regionale Toscana), Stefano Ciuoffo (Assessore regionale attività produttive, credito, turismo, commercio), Vincenzo Ceccarelli (Assessore regionale ai trasporti), Vittorio Bugli (Assessore regionale alla Pesidenza), Antonio Mazzeo (Consigliere regionale e Presidente Commissione Costa), Francesco Palumbo (direttore Toscana Promozione Turistica), Giovanni Bottalico, (Asvis), Arianna Di Gravio (Nugo), Gian Piero Joime (Università La Sapienza), Angelo Gentili (Legambiente), Sebastiano Venneri (Legambiente), Simone Lombardi (Enel), Lucia Venturi (Federparchi), Stefano Feri (Parco dell’Arcipelago Toscano), Stefano Mancuso (Progetto Poseidon), Pietro Buzzi (Banca Intesa), Cristiano Pezzini (Rete di imprese delle marine del Parco).

Obiettivo del percorso è quello di «Individuare gli strumenti attraverso cui interpretare la sostenibilità come uno strumento per innalzare l’attrattività per gli ospiti e la vivibilità per i residenti, generando conseguenze positive per l’intero territorio e collaborando alla creazione di un’immagine turistica all’avanguardia. Riduzione delle emissioni attraverso nuovi servizi di trasporto e su sistemi di micro-mobilità, riduzione drastica della quantità di rifiuti prodotti, realizzazione di percorsi virtuosi finalizzati all’ottimizzazione del servizio di raccolta e di gestione dei rifiuti, biodiversità: sono questi solo alcuni dei focus su cui verranno accesi i riflettori in occasione di questo percorso che si annuncia essere fortemente propositivo».

Ciuffo ha detto che «La Regione Toscana in quest’ultimo anno ha dato vita a due iniziative di grande rilievo come “Arcipelago Pulito” e “Spiagge plastic free” che in collaborazione con soggetti pubblici e privati hanno riscosso molto successo. La prima è stata una collaborazione con Coop Legambiente e i pescatori per raccogliere le tante plastiche trovate nei mari e portarle a terra per poi smaltirle, la seconda è una campagna organizzata in collaborazione con i Comuni e le associazioni di categoria per bandire dalle spiagge la plastica monouso affiancata a una campagna comunicativa di sensibilizzazione della cittadinanza. Due esempi di come si possa intervenire anche in maniera impattante per rendere la nostra costa e il nostro mare più puliti e quindi più attraenti».

Palumbo aggiunge: «La Costa e le Isole toscane scelgono di posizionarsi quale destinazione capace di soddisfare le esigenze dei turisti di oggi e delle comunità ospitanti prevedendo e accrescendo le opportunità per il futuro.  Questo posizionamento è conveniente, contemporaneo, vantaggioso sotto il profilo dello sviluppo e della redditività del turismo per le imprese e le comunità».

Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente, conclude: «Nei prossimi giorni, a Castiglione della Pescaia parleremo di mobilità, tutela della biodiversità e buone pratiche già attive in Toscana, opportunità di valorizzazione del territorio in chiave sostenibile a partire dal rapporto costa-entroterra e, molto più in generale, del futuro della nostra costa in ottica rigorosamente green. Un appuntamento in occasione del quale faremo il punto in merito allo stato dell’arte e individueremo le linee per il futuro, a partire dai grandi risultati raggiunti in questi anni da Regione Toscana e Toscana Promozione Turistica, due realtà che ricoprono di diritto il ruolo di veri e propri apripista nazionali di questo importante e lungimirante percorso. Un plauso anche al Comune di Castiglione della Pescaia e al sindaco Giancarlo Farnetani che ancora una volta è riuscito a portare Castiglione della Pescaia al centro del dibattito nazionale, ospitando il G20 delle spiagge e facendo scuola in fatto di sostenibilità del turismo».

Fonte