Ricerca: via libera di Patuanelli a 11 accordi per l'innovazione, dal Mise 25 mln

Mercoledì, 16 Ottobre 2019

Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha firmato i decreti che autorizzano 11 accordi per l'innovazione tra il Mise e le Regioni Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e Veneto. L'obiettivo, spiega la nota, e'quello di favorire la competitivita'del territorio attraverso gli investimenti delle imprese in progetti di ricerca e sviluppo. Per la realizzazione di prodotti e processi produttivi innovativi sono previsti investimenti complessivi pari a circa 90 milioni, a sostegno dei quali il Ministero ha messo a disposizione circa 25 milioni di agevolazioni. E stato autorizzato il finanziamento dei nuovi contenitori per alimenti in polimeri per ridurre lo spreco presentato da Lar Spa Advanced Polymer Materials Srl; il nuovo prodotto alimentare (piadina) con riduzione del cloruro di sodio e introduzione di nuovi elementi salutari presentato da Gitoma; nuovi prodotti per la colorazione delle ceramiche tramite tecnologie inkjet presentato da Ceramica Artistica Due; nuovi dispositivi per l'infusione endovenosa senza ausili e pompe presentato da Haemotronic. E ancora: l'implementazione delle pratiche di industria 4.0 sulla produzione di macchine per il confezionamento presentato da Ima; lo sviluppo di tecnologie per la progettazione e la produzione di sistemi di fissaggio altamente performanti presentata da Vimi Fasteners; la reingegnerizzazione delle produzioni di motori elettrici e inverter presentato da Bonfiglioli Riduttori; l'efficientamento della produzione dei pneumatici attraverso la riduzione degli scarti e dei consumi energetici presentato da Michelin Italia Sami; l'implementazione di processi per la riduzione dei rifiuti e dell'utilizzo del percolato delle discariche presentato da Sei Toscana Srl insieme ad altre aziende; le nuove macchine per la lavorazione delle plastiche, anche derivanti dal riciclo presentato da Piovan Spa; l'introduzione dell'intelligenza artificiale nell'ambito della lavorazione della pietra presentata da Breton.Com-Sim

Fonte