“Vicenda Tioxide partita da nostra indagine”

L’Arpat

Venerdì, 31 Ottobre 2014

ARPAT risponde alle accuse di Rifondazione. Arsenico nella falda acquifera di Scarlino: «L’affermazione “non voler riconoscere la presenza di arsenico di origine antropica nella piana di Scarlino, sostenendone invece una origine esclusivamente naturale” è falsa. Non abbiamo mai sostenuto la naturalità della contaminazione da arsenico delle falde, e abbiamo svolto complessi controlli». Miniera di Campiano e Merse: «L’affermazione “la giustificazione dei depositi di rifiuti inquinanti nei sotterranei della miniera di Campiano, con conseguente inquinamento delle falde e del Merse” è falsa. Arpat è stata sempre in prima linea negli interventi di bonifica e assicura un costante monitoraggio ambientale». Emissioni diossine inceneritore Scarlino Energia: «Evidenziamo la costante azione di controllo, i cui risultati Arpat ha provveduto a pubblicare con tempestività». Presenza radioattività Tioxide: «Ribadiamo che la vicenda è originata dall’attività di controllo dell’Arpat, che ha segnalato alla magistratura le irregolarità rilevate ed ha compiuto, sta compiendo e compirà tutti gli accertamenti utili in proposito».