“Una nuova gestione per la discarica e maggiore attenzione alle frazioni”

Il candidato sindaco di M5S, Marco Bonaccini, traccia il programma.

Mercoledì, 16 Aprile 2014

Il candidato sindaco di Terranuova del Movimento 5 stelle Marco Bonaccini illustra il suo programma di governo per la città.

"Una delle questioni da affrontare è quella della discarica, che secondo noi deve essere gestita diversamente: l'amministrazione deve controllare i soci privati e fare in modo che la salute dei cittadini venga

tutelata e i disagi abbattuti -dice il candidato pentastellato- con un ente pubblico che deve indicare le linee da seguire. Inoltre il guadagno che il comune trae dal disagio ambientale -continua Bonaccini- deve essere utilizzato per portare alcuni servizi a chi abita nella zona della discarica, a partire da acquedotto e metano". Restando sempre in ambito ambientale idea dei 5 stelle è quella di realizzare, nell'area degli ex-macelli

un luogo per conferire materiali che possono anche essere riutilizzati, per un discorso più ampio finalizzato a dare vita a in nuovo approccio sul tema dei rifiuti, in modo da arrivi a creare un ciclo completo a livello di vallata. Il Movimento 5 stelle intende dedicare una particolare attenzione alla frazioni e per rispondere al meglio ai bisogni chi vita ha in mente di dare vita a una commissione consiliare che si occupi di questo

specifico argomento e che periodicamente si rechi nei centri collinari per incontrare i cittadini, stilando al termine di ogni riunione un verbale che sia il punto di partenza per realizzare interventi puntuali.

"Nel comparto dei lavori pubblici, oltre a lavori di manutenzione ordinaria da portare avanti in maniera abbastanza celere facendo ricorso anche alle persone in cassa integrazione o in mobilità, riteniamo cosa impellente –sottolinea Bonaccini- la riqualificazione di viale Piave e la variante a nord-ovest del capoluogo.

In nome della massima trasparenza invece proponiamo la creazione di una anagrafe degli eletti, la trasmissione in streaming della sedute del consiglio comunale e delle commissioni, oltre a introdurre

nello statuto lo strumento del referendum propositivo. Allo studio –termina la revisione della spesa della

macchia amministrativa, tagliando le consulenze e rivedendo l'organizzazione dell' ente". In caso di elezione da affrontare il tema del lavoro, con nel programma pentastellato il sostegno a chi vuole aprire o ampliare la propria azienda, valorizzando al tempo stesso i tesori artistici presenti nel territorio e sostenendo la produzione agricola, con la coltivazione dei campi che rappresenta il migliore strumento contro il dissesto

idrogeologico.