Tariffe, parcheggi, aziende: testa a testa fra i tre candidati

Terranuova campagna elettorale ormai allo sprint. Le priorita’ e le indicazioni di Bonaccini, Chienni e Nocentini

Domenica, 18 Maggio 2014

L’ultima settimana di campagna elettorale e a Terranuova i motori sono accesi da tempo. In lizza per la carica di sindaco Marco Bonaccini per il Movimento 5 Stelle, Sergio Chienni per la lista Centro Sinistra per Terranuova, appoggiata da Pd, Lista Pasquini, Sel e Psi e Simone Nocentini, a capo della lista civica trasversale «Terranuova in Comune», nata dall’ esperienza della lista «Terranuova per la Libertà» e formata anche da vari esponenti che facevano parte della Lista Pasquini. Forza Italia ha deciso di appoggiare Nocentini e per questo ha rinunciato anche a presentare il simbolo. Tra gli argomenti affrontati in campagna elettorale, ovviamente, l’economia e il lavoro, forse il più sentito tra i cittadini. «Da parte nostra, voglio ricordare che Terranuova, dal 2009 al 2013, ha visto aumentare gli occupati di 600 unità – ha detto Chienni – . Tra le nostre proposte, lo sviluppo delle aree produttive e commerciali di Valvigna, Poggilupi, Penna, area ABB ed Ex Macelli, l’istituzione di uno sportello di marketing territoriale, un tavolo permanente tra amministrazione e imprese». Il programma lavoro del Movimento 5 Stelle e di Marco Bonaccini parte dalla gestione del ciclo dei rifiuti. «Puntando ad una politica di rifiuti zero – ha detto Bonaccini - non solo si modifica la trasformazione del rifiuto che diventa una risorsa, ma si possono creare nuovi posti di lavoro. Tra le altre idee dei 5 Stelle rendere lo sportello per le attività produttive un riferimento nella gestione delle pratiche burocratiche per le aziende. La lista civica Terranuova in Comune, dopo aver ricordato che a Terranuova sono 1.526 le persone senza lavoro, punta ad abbassare le tariffe per le imprese, come la ex Tares «che costa il 40% in più rispetto ad altri comuni del Valdarno», ha detto Nocentini. Occorrono poi nuove infrastrutture e una maggiore attenzione alle attività diurne del centro storico, che dovrà essere dotato anche di nuovi parcheggi. Per quanto riguarda il sociale, l’obiettivo del centro sinistra è quello di consolidare e implementare il sistema di protezione sociale attiva. Tra le proposte la messa a disposizione di locali pubblici per gli anziani, gli orti sociali, interventi per famiglie e minori e per diversamente abili e opere di ampliamento e riqualificazione del “Pallaio”. La Lista Terranuova in Comune punta ad una razionalizzazione della spesa pubblica utilizzando le entrate della discarica per abbassare le tariffe della ex Tares, asilo nido, mensa e trasporto scolastico. Occorre poi creare una rete molto forte tra la scuola, il Ciaf e lo sport attraverso il “Progetto sport 2.0”, indirizzato ai giovani e alle società sportive. I 5 Stelle puntano invece al welfare generativo per riscoprire servizi di comunità, alla restituzione sociale, cioè la possibilità di offrire opere al comune in cambio di compensi, all’istituzione della banca del tempo, e all’assegnazione e conduzione di orti comunali.