"Servizio peggiorato" E sui rifiuti arriva il piano trasparenza

Giovedì, 9 Ottobre 2014

Dove, come e quando si svuotano i cassonetti e si puliscono strade e piazze del territorio comunale? Da adesso è online il progetto esecutivo per lo spazzamento delle strade e per la raccolta dei rifiuti nel capoluogo e nelle frazioni. Queste saranno solo alcune informazioni che saranno puntualmente descritte nel documento a disposizione di tutti i cittadini. Basterà infatti collegarsi al sito del Comune di Grosseto (www comune.grosseto.it) per trovare il link al progetto, che in 48 pagine riporta una sorta di mappa del servizio. "Manteniamo però alta l'attenzione, perché non siamo completamente soddisfatti del servizio", esordisce così Emilio Bonifazi, sindaco di Grosseto, che insieme all'assessore Giancarlo Tei ha fatto il punto della situazione sui servizi di raccolta e spazzamento che Sei Toscana gestisce per il comune di Grosseto e per tutti e 103 i comuni delle province di Arezzo, Siena e Grosseto che rientrano nell'Ato (Ambito territoriale ottimale) Toscana Sud. "Negli ultimi anni - aggiunge Bonifazi - il servizio è peggiorato ed è per questo che abbiamo preteso che Sei Toscana ci dicesse in modo puntuale quali sono le azioni che mette in campo per il comune. Per questo abbiamo deciso di pubblicare sul proprio sito il piano esecutivo elaborato direttamente da Sei Toscana. Un documento in cui si possono trovare tutte le informazioni per tutte le vie del comune dei servizi di raccolta e di spazzamento. In questo modo chiunque potrà sapere quante volte la macchina spazzatrice passa o quante volte e quando vengono raccolti i rifiuti in una determinata area della città, per segnalare anche eventuali anomalie". Il progetto elenca tutti i tipi di servizi attivi nel territorio comunale, dalla raccolta domiciliare a quella stradale, dal lavaggio dei contenitori allo svuotamento dei cestini è molto altro ancora. Per ogni tipo di servizio vengono elencati per numero i differenti u ssonetti, con l'indicazione dell tipologia di rifiuto cui sono destinati. Ad esempio, nell'ambito della raccolta stradale, per la carta sono presenti tra capoluogo e frazioni 610 cassonetti grandi e 62 medi; per Forganico 634 bidoni grandi, 7 piccoli e 11 medi; per i rifiuti indifferenziati 562 bidoni grandi e 79 piccoli, ma anche 1.096 cassonetti grandi, 698 medi e 14 piccoli. Per ciascuna voce viene riportata anche la media dei turni di svuotamento durante l'anno. "Dobbiamo vigilare attentamente, perché i cittadini a fronte di un aumento delle tariffe non sempre vedono un servizio che migliora. Anche se non sono le tariffe più alte. Grosseto è al 53° posto per la Tari in Italia, dire che ha i costi più alti è una cosa non vera", dice il sindaco rispondendo a distanza alle recenti critiche delle opposizioni.