Rifiuti, i Popolari chiedono un confronto tra Sei Toscana e il Comune di Arezzo

Interrogazione di Scatizzi: “E’ importante conoscere come si sviluppano le tariffe”. Chiesto passaggio in Commissione Attività Produttive con il neo presidente Viti

Martedì, 5 Agosto 2014

Un maggior confronto tra Sei Toscana e il Comune di Arezzo sulla gestione dei rifiuti. La richiesta arriva dai Popolari per Arezzo che negli ultimi consigli comunali sono intervenuti con una doppia interrogazione in cui hanno richiesto all’Amministrazione chiarimenti circa le politiche dell’azienda che si occupa dei rifiuti. Il consigliere comunale Luigi Scatizzi ha avanzato la problematica delle tariffe che gli utenti sostengono per il servizio con l'obiettivo di ottenere spiegazioni sugli aumenti registrati sul territorio comunale aretino. “È importante conoscere con precisione come si sviluppano le tariffe di Sei Toscana - ha detto Scatizzi – conoscendo l'importo complessivo richiesto dall’azienda e se le tariffe siano state calcolate con riferimento alle singole provincie o alle aree gestionali. Nel dettaglio devono essere rese note le motivazioni che giustificano gli aumenti per il comune di Arezzo, sia in termini qualitativi che quantitativi, chiarendo quali siano da attribuire alle richieste di Sei Toscana e quali siano invece da attribuire ai meccanismi di ribaltamento”.E dai Popolari parte poi un invito al nuovo presidente di Sei, l’aretino Simone Viti, a partecipare ad una prossima riunione della Commissione Attività Produttive del Comune.