Raccolta domiciliare dei rifiuti di Arezzo sud

Sabato, 8 Febbraio 2014

Prenderà il via lunedì 10 febbraio la consegna della fornitura annuale dei sacchi 2014 per il servizio di raccolta domiciliare delle località di Ripa d'Olmo, Vitiano, Olmo, Frassineto, Policiano e Rigutino. Per ritirare il kit per differenziare (composto dal calendario con i giorni di raccolta, i sacchi in mater-bi per la raccolta dell'organico, i sacchi blu per la plastica-lattine e i sacchi per la raccolta della carta) è necessario presentarsi con l'ultima bolletta Tares ai punti di consegna di SEI Toscana che saranno allestiti in:  Loc. Rigutino: zona mercato. Loc. Olmo: zona centro commerciale. Loc. Ripa dell'Olmo: davanti alla macelleria. Loc. Vitiano: davanti alla chiesa. Loc. Frassineto: davanti alla fermata Tiemme (ex-ATAM). Loc. Policiano: nella piazzetta di fronte al centro commerciale.

Ci si può recare in uno qualunque dei punti di consegna, negli orari indicati nella tabella sotto. I punti di consegna resteranno aperti sino a sabato 1 marzo, pertanto SEI Toscana raccomanda ai cittadini a ritirare la fornitura entro tale data. Maggiori informazioni sulla consegna dei sacchi su www.seitoscana.it e al numero verde 800127484.

Il sistema di raccolta domiciliare (o porta a porta) dei rifiuti è stato introdotto nella zona di Arezzo Sud (asse Olmo - Rigutino - Vitiano) poco più di un anno fa e interessa quasi 10.000 abitanti, di cui oltre 3500 abitazioni e circa 300 esercizi commerciali. Le frazioni interessate dal nuovo metodo di raccolta dei rifiuti sono: Capanne di Rigutino, Fontiano, Frassineto, Il Bivio, Il Matto, Madonna di Mezzastrada, Manziana, Olmo, Ottavo, Pieve a Quarto, Poggio Ciliegio, Policiano, Rigutino, Ripa di Olmo, S. Anastasio, S. Andrea a Pigli, S. Flora Torrita, Sargiano, Sassaia, Vitiano. Nel 2012 il comune di Arezzo ha registrato il 38,79% di raccolta differenziata (dati certificati dalla Regione Toscana) e la scelta di adottare un sistema di raccolta differenziata "spinto" ha l'obiettivo di aumentare le quantità oltre che la qualità dei materiali raccolti, presupposto per un migliore riciclo.

" L'attivazione del "porta a porta" ha evidenziato risultati positivi sotto vari punti di vista - commenta l'assessore Franco Dringoli. Una crescita di sensibilità dei cittadini, una raccolta differenziata oltre l'obiettivo del 65% nella zona e anche una riduzione nella produzione dei rifiuti. Si è innestato un circolo virtuoso che può essere ulteriormente supportato. I cittadini hanno risposto in maniera positiva all'introduzione di questo cambiamento, anche se ancora restano da correggere alcuni comportamenti. Questi risultati incoraggiano ad andare avanti in questa direzione e a prevedere entro l'anno in corso l'estensione della modalità di raccolta domiciliare anche nelle zone di Arezzo Nord. Importante poi segnalare come l'approvazione avvenuta ieri del piano interprovinciale dei rifiuti, confermi la validità di questo sistema di raccolta". 

Fonte