E ora i timori per l’aumento delle tariffe

Dopo l’acconto

Sabato, 14 Giugno 2014

La questione rifiuti, se è ingarbugliata per quanto riguarda la vicenda inceneritore, lo è se possibile ancora di più sul fronte tariffario. A oggi, giugno inoltrato, non è dato sapere quanto ogni famiglia e ogni impresa dovranno pagare per il servizio nel 2014. E’ dato in pagamento, com’è noto, l’acconto della Tari, ma che non ha alcun valore reale per calcolare l’effettivo ammontare della tassa finale. Le cifre versate in questi giorni dagli aretini sono infatti calcolate su quanto pagato lo scorso anno, all’unico scopo di rastrellare cassa per Sei Toscana in modo da consentire al consorzio di saldare gli stipendi dei dipendenti. E’ dunque una situazione paradossale, anche se l’ipotesi di un consistente aumento è più che mai di attualità. Non si tratterà probabilmente di quel 20% medio di cui si è iniziato a parlare nell’estate scorse, ma i rincari dovrebbero essere comunque significativi.