"No alle deroghe ad personam Se serve si modifichi il piano"

Martedì, 15 Luglio 2014

"No alle deroghe ad personam; chiediamo invece un incontro per apportare aggiustamenti e modifiche che consentano di superare alcune rigidità presenti nel regolamento del Piano del Parco Regionale della Maremma per dare risposte concrete e immediate agli agricoltori". Il presidente della Cia di Grosseto, Enrico Rabazzi, commenta in questo modo la richiesta di installazione di un impianto a biomasse all'interno del territorio del Parco. "Nessuna opposizione all'impianto a biomasse, ma se questa deroga è possibile - aggiunge il presidente - è inevitabile dedurre che il vigente Piano, datato 2008, è obsoleto e non corrisponde più alle moderne esigenze produttive degli agricoltori, soggetti che hanno istituito il Parco e che in questi anni hanno lavorato per la sua tutela e salvaguardia". Portavoce del malessere espresso dagli associati Cia che conducono aziende agricole all'interno dei confini del Parco, e che propongono una revisione del Piano, Rabazzi, chiede un confronto urgente con il presidente e il consiglio del Parco. "Nessuno nel 2008 poteva immaginare che in questa oasi della Maremma sarebbe stato installato un impianto a biomasse; questa vicenda dimostra dunque che le esigenze di chi lavora in questa zona sono cambiate e che il Pii rova rivisto. Però la Cia non può accettare che la deroga per l'impianto venga concessa solo perchè piace a qualcuno. se le regole sono flessibili lo devono essere per tutti—. E conclude: "Come Confederazione degli Agricoltori siamo a chiedere un incontro per dare il nostro contributo costruttivo per una ricognizione delle varie problematiche in modo da permettere, a chi in questi anni ha contribuito a mantenere inalterato questo patrimonio, di continuare a svolgere in sicurezza il proprio lavoro e la propria passione".