Impero, interviene l’Usl: via l’amianto dal tetto

Montevarchi drastica la conclusione dopo il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi

Giovedì, 12 Giugno 2014

Via l’amianto dall’Impero. A dirlo non sono più solo i cittadini stanchi di sopportare un vicino scomodo e un immobile abbandonato, ma il dipartimento di Prevenzione – Unità Funzionale Igiene Pubblica e Nutrizione della Usl 8 zona Valdarno. La sua responsabile, dottoressa Rita Bindi, non ha dubbi e, rispondendo all’esposto presentato da un cittadino, scrive a chiare lettere: «E’ stato effettuato da tecnici di prevenzione di questa unità funzionale un sopralluogo del cui esito è stato informato il sindaco del comune di Montevarchi per l’adozione degli opportuni provvedimenti atti a eliminare gli inconvenienti lamentati». Insomma le fibre dell’asbesto trionfano nella copertura dello storico immobile, insieme ai piccioni che hanno eletto il suo tetto e le sue grondaie ad affollata dimora. E adesso questa notizia circola sul più popolare social network. A pubblicare la risposta dei sanitari è stato Paolo Martini, giornalista ed estensore della segnalazione, che ha messo on line il documento scatenando reazioni a catena. Decine i commenti di chi, ormai da anni, evidenziano la criticità di un edificio dal passato illustre, che ormai versa in uno stato di persistente e progressivo degrado. Lo stesso Martini ha esteso l’esposto presentato alla Usl 8 e che ha portato al sopralluogo. A questo punto il sindaco ha 90 giorni per adottare provvedimenti adatti ad eliminare l’eternit che si sfalda e bonificare l’area. Grasso ha già assicurato che appena istruita la pratica, provvederà con l’ordinanza e continuerà a lavorare per restituire alla struttura la dignità e la funzione di teatro. Teatro che, qui, manca ormai da 25 anni.