Democratici per Cambiare. Gestione dei rifiuti rispettosa del piano e attenta alle tariffe

Mercoledì, 5 Marzo 2014

Un incontro con l'assessore provinciale Cutini. E una mozione sull'argomento che sarà presentata nella seduta di domani del consiglio comunale. Sul delicato e controverso tema dello smaltimento rifiuti, si muovono con decisione i Democratici per Cambiare, forza di minoranza a Palazzo delle Laudi. L'obiettivo: impegnare l'amministrazione in una gestione dei rifiuti che sia attenta agli obiettivi del piano interprovinciale e al contenimento delle tariffe.

“Condividiamo le linee guida del piano - spiegano i Democratici per Cambiare – e in particolare quella di puntare realmente alla raccolta differenziata in qualità e quantità per raggiungere nel giro di pochi anni l'ambiziosa soglia del 70%, contro il 35% scarso attuale, che sarà il mezzo per un riutilizzo reale del 60% del rifiuto. Tale obiettivo potrà realizzarsi solo estendendo la raccolta differenziata porta a porta alla totalità dei cittadini, fermo restando la valutazione delle abitazioni isolate. Siccome il piano rientra all'interno del progetto di indirizzo regionale, occorre fare pressione in maniera unitaria sulla Regione affinché promuova politiche di sostegno economico per le amministrazioni locali, soprattutto nei confronti di quei comuni che perseguiranno un atteggiamento virtuoso. Occorre poi promuovere azioni all'interno dell'Ato per farne un reale organismo di controllo del gestore del ciclo rifiuti, evitando situazioni di subalternità come accaduto nella gestione dell'acqua. In tale contesto sarà indispensabile coinvolgere la scuola da dove trasmettere messaggi a tutte le famiglie".

Sin qui la "linea politica" indicata dai Democratici per Cambiare. Ma accanto a questa, la volontà di arrivare aduna riduzione della produzione del rifiuto, attraverso alcune proposte concrete.