A Capalbio guerra ai furbetti dei rifiuti. All’Argentario scoppia il caso miasmi

Nella Costa d’Argento problemi legati alla differenziata: a Borgo Carige apre l’isola ecologica

Domenica, 28 Giugno 2015

Con l’arrivo dell’estate i centri turistici della Costa d’Argento stanno iniziando le grandimanovre per garantire la massima pulizia di strade e parchi pubblici. Capalbio, ad esempio, spinge al massimo sulla raccolta differenziata che rimane, sostiene il sindaco Luigi Bellumori, “il primo importante strumento per il raggiungimento degli obiettivi di riciclo e recuperoindicati dalla normativa e per un corretto completamento del ciclo integrato dei rifiuti”.  L’appello, stante il rapporto non ottimale con il gestoreSei, è rivolto ai cittadini perché collaborino conferendo correttamente la varie tipologie di scarti negli appositi contenitori che l’Amministrazione auspica “che vengano sostituiti dal gestore con altrettanti più nuovi, efficienti o quantomeno decorosi rispetto a taluni attuali. Bisogna procedere - èl'opinione diBellumori - verso una raccolta differenziata di qualità per produrremateriali riciclati, risparmiando materie prime edenergia e forse,in prospettiva. anche denaro”. Attuare unacorretta differenziazione, d’altronde, è semplice, e il sindaco ricorda le poche regole da seguire che sono quelle di non abbandonare rifiuti sul suolo pubblico o vicino ai cassonetti, pratica perseguibile per legge e che può essere punita attraverso sanzioni amministrative. E questo riguarda anchei rifiuti ingombranti peri quali è possibile prenotareil ritiro gratuito a domicilio chiamando il numero verde di Sei Toscana (800/127484), attivo dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 16,30 e il venerdì dalle 9 alle 12,30. Sempre per lo smaltimento degli ingombranti, e gratuitamente, a partire da domani nei giorni di lunedì, mercoledì e sabato dalle 9 alle 13 - apriràl’isola ecologica diBorgo Carige in cui conferire, per lo smaltimento carta e cartone,metalli,legno, sfalciepotature,ingombranticomemobili,materassi, porte, articoli da giardino, rifiuti da apparecchiatureelettricheed elettroniche (grandiepiccoli elettrodomestici; cellulari; giochi elettronici; lampadine a risparmio energetico, inerti provenienti dapiccoliinterventi domestici). “E i soliti furbetti - incalzail sindaco - saranno segnalati, perché fotografare le discariche in giro è lo sport preferito dai detrattori dell’Amministrazione". Cittadini spronati a comportarsimeglio a Capabio e cittadini che a loro volta sollecitano la raccolta differenziata su tutto il territorio all’Argentario. Qui accade che molte zone sono ancora scoperte. Ma il problema è anche un altro. Siaaccanto chedentroicassoni, alcuni negozianti gettanoi rifiuti del giorno prima. E non usano nemmeno i sacchetti. Prendono frutta marcia, bucce, torsoli le gettano senza nessuna accortezza negli orari piùimpensati. Il risultato di ciò è una puzza che invade tutto il paese, facendo temere rischi di infezioni. “Per risolvere -intervienel’assessore all’ambiente, Walter Capitani - bisognerebbe lavare i cassonetti più volte al giorno. Un’operazione che avrebbe costi alti e quindi difficilmente sostenibili”.