Acque Doc sulla Costa d’Argento. Dall’Arpat un giudizio eccellente

Le analisi dei punti di balneazione promuovono il litorale

Sabato, 27 Giugno 2015

Acque marine con certificato Doc in Costa d’Argento all’inizio della stagione turistica estiva.Dopoil conferimento dei vari riconoscimenti dimari e spiagge pulitein gran parte dellaMaremma chein particolare hanno visto l’assegnazione delle Bandiera Blu alla costa di Monte Argentario, delle 5Vele diLegambiente allitorale diCapalbio,Monte Argentario e Isola del Giglio, delle 4 vele a Orbetello, arrivano adesso i risultati dei rilievi dell’Arpat di metà giugno. Sono ben 44 i punti della costa della Maremma del sud in cui vengono fatti i periodici e canonici rilievi dello stato di salute delle acque di balneazione, suddivisi sui territori dei cinque comuni della costa d’Argento che sono bagnati dalmare ossia Capalbio,Monte Argentario, Orbetello,Magliano in Toscana e Isola del Giglio, dove quasi tutti gli spot balneari in questione si sono guadagnati la valutazione di “eccellente”, in pratica il voto massimo che i tecnici dell’agenzia regionale dell’ambiente conferiscono dopo aver fatto le analisi. Un risultato che, specialmente sulla carta e sulla base della fama di zonaincontaminata di cui godela Maremma, potrebbe sembrare scontato ma che, confrontato con tutto il resto della Toscana, ha comunque un grande valore: basti pensare che sono ben 11 i luoghi della costa regionale dove è interdetta la balneazione e nessuno di questi si trova tra le quasi 50 stazioni della costa sud grossetana. Il tipo di analisi che vengono fatte,in questi casi, per certificare la pulizia delle acque marine, riguardano la presenza di eschericia coli e di enterococchi intestinali, batteri classici presenti negli scarichi fognari che quasi ovunque risultano con valori prossimi allo 0. Trale mete più famose che godono di acquemarine con certificazioneDoc ci sono Cala di Forno, unico spot del comune diMagliano, il bagno delle Donne a Talamone, molte delle spiaggette di sassi dell’Argentario come Cala Grande, lo Sbarcatello e le Cannelle, le tre spiagge dei Vip di Macchiatonda, Chiarone e Marina di Capalbio e naturalmenteGiglio e Giannutri, le due perle dell’arcipelago toscano. Uniciluoghiin cuila valutazione è stata quella diidoneità alla balneazione, ma con una pagella meno bella, sono stati tre punti del litorale orbetellano: la Tagliata a sud e Fertilia a nord hanno riportato un giudizio “buono”,mentre illato a sud del fiume Albegna haincassato un semplice “sufficiente” a testimonianza che su quel punto della costa l’attenzione non deve essere abbassata.