Con il codice a barre si potrà scoprire subito chi non rispetta le regole di orario o non differenzia

Domenica, 14 Gennaio 2018

L’attenzione per la raccolta dei rifiuti nel centrostorico è da sempre alta. D’altronde il problema èmolto sentito trattandosi di una città a vocazioneturistica, che non può presentarsi ai suoi visitatoricon rifiuti abbandonati ovunque durante la notte e,spesso, fino a metà giornata. Ecco quindi che si vaverso la sperimentazione anche del sistema premiante.Bonus per i cittadini Laprospettiva dell'Ato è diandare verso quella che viene definita una “tariffazionepuntuale”, possibile solamenteconunaidentificazionedegli utenti.Comeverrà realizzato tuttoquesto?Aicittadini del centrostoricoverrannoprestoconsegnati sacchetti o bidoncini con i codici abarre, grazie ai quali sarà possibile una identificazionedegli utenti.Equindi capire chi fa la differenziatae quanta raccolta differenziata viene fatta daicittadini. Aipiù braviverrannogarantitibonus proprionelle tariffe della spazzatura. In luoghi diversidal centro storico, ad esempio a Ravacciano, potrannoessere sistemati dei cassonetti la cui aperturasarà condizionata all'utilizzo di un tesserino personale,anche in questo caso contenente dei codiciidentificativi del cittadino. Sistemi di questo tiposono già attivi in varie parti d'Italia, la sperimentazionepotrà partire nel secondo semestre del 2018in alcune zone di Siena.