Discarica abusiva, ordinata la bonifica

Donoratico

Mercoledì, 13 Settembre 2017

La discarica abusiva è ancora lì. Complice la burocrazia, il terreno di proprietà del Comune di Castagneto Carducci in via del Fosso è ancora nello stato in cui l'hanno trovato i carabinieri forestali lo scorso 5 luglio. Materiale ferroso, carcasse di biciclette, elettrodomestici, tubi in plastica, teli, ombrelloni, stufe, pneumatici, bidoni, motori. C'è un po' di tutto nell'area messa sotto sequestro. Definito l'iter giudiziario è il tempo della rimozione dei rifiuti, disposta dal Comune con l'ordinanza numero 103 del 7 settembre. L'intervento è a carico dell'uomo residente a Castagneto Carducci, di nazionalità marocchina, sorpreso sul posto, identificato e all'epoca denunciato per esercizio dell'attività di raccolta e trasporto per conto terzi di rifiuti in assenza della necessaria iscrizione all'Albo nazionale dei gestori ambientali. Il sequestro era scattato dopo i sopralluoghi, sulla scorta di alcune segnalazioni arrivate ai carabinieri forestali. La scelta dell'area per lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti per quanto defilata rispetto all'abitato di Donoratico aveva comunque finito per destare curiosità, dato il via vai per il carico e lo scarico dei rifiuti. Si tratta di rimuovere e smaltire in modo adeguato quanto stoccato poiché non sono stati riscontrate situazioni che mettono a rischio inquinamento il terreno o la falda. E per farlo a chi ha trasformato quello spazio defilato in una discarica abusiva sono concessi 45 giorni. "Qualora non venga provveduto entro il termine prefissato, la rimozione dei rifiuti verrà effettuata dall'amministrazione comunale, rimettendo al trasgressore le spese sostenute", si legge nell'ordinanza.

Fonte