A Manciano parte la raccolta stradale dell’organico

Sabato, 11 Giugno 2016

È partita questa settimana nei centri abitati di Marsiliana, Manciano, Montemerano e Saturnia e lungo le principali direttrici stradali interessate, sarà attivata la raccolta stradale dei rifiuti organici. I cittadini mancianesi si troveranno quindi, per la prima volta, a misurarsi con l’effettiva possibilità di differenziare il rifiuto organico, che rappresenta mediamente il 30 per cento del rifiuto indifferenziato prodotto. «È bene sottolineare – spiega l’assessore all’Ambiente Antonio Camillo – che il conferimento all’impianto di trattamento meccanico biologico sito in località Strillaie nel comune di Grosseto di una tonnellata di rifiuto indifferenziato costa circa 160 euro netti, mentre il costo di una tonnellata di organico è circa 47 euro netti. Ne consegue che differenziare bene la frazione organica del rifiuto rappresenta per i cittadini una concreta possibilità di contenimento della tariffa». Per attuare questa raccolta, verranno posizionati nei luoghi precedentemente individuati dei bidoni grigi con coperchio marrone, della capienza di 240 litri. I cittadini dovranno raccogliere gli scarti alimentari e gli scarti verdi in sacchetti biodegradabili (si possono riutilizzare anche i sacchetti della spesa), avendo cura di chiuderli bene al momento del conferimento nel bidone stradale. Il gestore del servizio, società Sei Toscana srl, provvederà allo svuotamento dei predetti contenitori con frequenza bisettimanale. Il rifiuto organico raccolto verrà avviato a recupero nell’impianto di compostaggio di Strillaie, rendendone possibile il riutilizzo al termine del processo di trattamento». Il Comune farà un’intensa attività di comunicazione ai cittadini, fornendo le spiegazioni utili a una corretta gestione del rifiuto coi mezzi a disposizione. «Mezzi che, pur ancora migliorabili, consentirebbero già adesso un aumento della raccolta differenziata se venissero utilizzati correttamente», dice Camillo. «L’installazione di un sistema di pesatura al centro di raccolta a San Giovanni – continua – con premialità per i cittadini virtuosi, la raccolta dell’organico, la raccolta domiciliare per utenze non domestiche che inizierà presumibilmente entro luglio, sono i primi frutti dell’intenso lavoro che abbiamo svolto sui rifiuti». Il passaggi al sistema dell’Ato ha rallentato le volontà dell’amministrazione. L’obiettivo resta comunque la raccolta domiciliare ovunque entro la fine del mandato.

Fonte