Scuole, via la plastica da mensa Arrivano le stoviglie "green"

Mercoledì, 11 Settembre 2019

Il servizio mensa del Comune di Monte Argentario diventa plastic free. L'amministrazione comunale vuol dar seguito alla campagna antiplastica che punta a sostenere l'ambiente. Così ha deciso di sostituire tutte le stoviglie in plastica attualmente usate nel servizio di mensa scolastica con altre stoviglie in "melamina", riutilizzabili mediante i sistemi di autolavaggio installati nei centri di cottura di Porto Santo Stefano e Porto Ercole. Le nuove stoviglie, rispettose dell'ambiente, saranno acquistate dalla società cooperativa Arca di Follonica, ditta specializzata nel settore delle forniture alberghiere. Il Comune acquisterà 150 piatti piani, 150 piatti fondi, 150 bicchieri in policarbonato, 150 forchette da tavola, 150 cucchiai da tavola, 150 cucchiaini da caffè e 50 coltelli da tavola. Il messaggio è senza dubbio quello di voler sensibilizzare anche i più piccoli alle buone pratiche iniziando a farli mangiare nei piatti che possono essere riutilizzati e non usa e getta. In provincia di Grosseto anche l'Acquedotto del Fiora si sta dando da fare per togliere le bottigliette monouso dalle aule. Molti bambini infatti si portano da casa, per dissetarsi durante la ricreazione, delle bottiglie di acqua. La società idrica si sta attivando con le scuole dei 55 comuni serviti per consegnare borracce gratuite agli studenti. L'azienda vuole sensibilizzare non solo all'abbandono della plastica ma invitare anche a bere l'acqua del Fiora. Intanto, nel mese di luglio proprio l'Argentario è stato meta di una iniziativa del Wwf, Blue Panda week, per sensibilizzare turisti e cittadini all'uso delle plastica che sta facendo molti danni soprattutto nei mari. La scelta del mare del promontorio non è stata casuale perché è una zona nelle cui vicinanze ci sono due spiagge, Giannella e Feniglia e un'oasi Wwf. Stavolta, dopo le spiagge, da lunedì la campagna del plastic free sarà presente anche nelle scuole dell'Argentario ma anche di tutta la Toscana.

Fonte