Addio ai «furbetti» dei rifiuti Arrivano quattro fototrappole

Venerdì, 7 Luglio 2017

DA ORA in poi sarà caccia al furbetto. Il comune di Cortona ha deciso il giro di vite contro chi abbandona rifiuti ingombranti in tutto il territorio comunale. In questi giorni personale del comune ha provveduto ad installare le prime foto trappole. Si tratta di apparecchi di videosorveglianza capaci di riprendere immagini anche in assenza di luminosità naturale. Un ausilio tecnologico in dotazione al comando della polizia municipale che permetterà di individuare e multare i comportamenti incivili sempre più diffusi così come previsto dalla legge. «Abbiamo risposto alle tante sollecitazioni dei cittadini – commenta Andrea Bernardini assessore all’ambiente del comune di Cortona – che stanno facendo una corretta raccolta differenziata, utilizzano le stazioni ecologiche, chiamano il numero verde per il ritiro gratuito a casa degli ingombranti e che non vogliono quindi vedere più questo degrado». Al momento il comune ne ha acquistate 4, ma il numero è destinato probabilmente a crescere. Saranno utilizzate non solo nel centro storico ma in tutto il territorio comunale. Un lavoro intenso quello del comune di Cortona in collaborazione con Sei Toscana che sta cercando di far funzionare al meglio sistema di raccolta per poter raggiungere gli obiettivi di legge che fissano una quantità pari al 70% di raccolta differenziata entro il 2020.
PROPRIO ad inizio estate è partita la raccolta porta a porta in altre frazioni del territorio tra cui Camucia, ma anche Ossaia, Tavarnelle, Mezzavia, Sodo e San Pietro a Cegliolo. Dal mese di luglio anche a Fratta, Monsigliolo, Montecchio e Fossa del Lupo. Queste realtà i sommano all’ormai consolidato lavoro nel centro storico e in quello un po’ più recente, ma ormai rodato, di Terontola. Ad oggi, quindi, il 75% della popolazione cortonese è stata raggiunta dal servizio di raccolta differenziata.