Abbattuti tutti i pini pericolosi Potature «decise» sulle altre piante Querci: «Verde pubblico in sicurezza»

Mercoledì, 6 Aprile 2016

INIZIATA nei giorni scorsi a Gavorrano l’operazione «taglio alberi» per la messa in sicurezza del verde nel centro della frazione di Bagno e la gente tira un sospiro di sollievo visti i potenziali pericoli che potevano rappresentare alcuni rami dei pini . «Siamo partiti dalla pineta del parco in via Mameli di fronte alla sede Auser – ha detto il vicesindaco Giulio Querci – e posso dire che è stato effettuato un ottimo lavoro di abbattimento, 8 pini, e di potatura di una ventina di piante. I tecnici hanno salvato tutte le piante sane e abbattuto solo quelle che creavano pericolo alle abitazioni circostanti.
In settimana – continua Querci – proseguiranno i tagli nella zona di via Marconi, piazza Da Vinci dove le piante oggetto della messa in sicurezza saranno molte di più. Una volta eliminati i pericoli ed abbattute le piante abbiamo previsto in bilancio le somme necessarie per la loro sostituzione con piante autoctone.
L’operazione costa circa circa 12mila euro, per un’imponente messa in sicurezza su un centinaio di alberi, costi notevolmente contenuti grazie allo scomputo derivante dal legname di risulta che invece di venire smaltito, gravando di altri costi le casse comunali, sarà ritirato dall’Impresa incaricata dell’intervento e riutilizzato. Questo – conclude il vicesindaco – è il primo stralcio del piano per il verde che presentammo ai cittadini. Nei prossimi mesi proseguirà nelle restanti frazioni». L’augurio da parte di chi abita nella zona delle Basse di Caldana, proprio davanti all’ingresso dello stadio della frazione si metta nel mirino anche un intervento da quelle parti in tempi rapidi perché , anche lì i pericoli che scaturiscono dalle piante nella zona di territorio utilizzata anche come parcheggio in occasione di incontri di calcio, sono concreti e reali. Ma l’impegno preso da Querci è preciso e senza dubbio si interverrà non solo alle Basse ma anche nella Piazza di Ravi.