Abbattuti gli alberi pericolanti nel borgo

Interventi su decine di piante: si parte da Bagno di Gavorrano dove le piante sono vicine alle case

Mercoledì, 6 Aprile 2016

Venerdì scorso è stato dato il via al primo stralcio di lavori per la messa in sicurezza del verde pubblico con il taglio straordinario di alcuni alberi nella pineta a Bagno di Gavorrano in via Mameli, di fronte alla sede dell’Auser. «Siamo partiti dalla frazione di Bagno di Gavorrano in quanto lì le aree più critiche erano adiacenti alle abitazioni – spiega il vicesindaco Giulio Querci – quindi è stato necessario intervenire per garantire l’incolumità delle persone e delle cose». Nella pineta sono stati abbattuti 8 pini mentre i restanti 20 sono stati puliti e, come annunciato in precedenza, questi lavori fanno parte di un progetto che riguarda tutto il Come: in settimana proseguiranno i lavori nella zona alta di via Marconi e in piazza Da Vinci e in totale, solo nella frazione di Bagno di Gavorrano, saranno trattate un centinaio di piante, tra abbattimenti e potature. «Abbiamo cercato di salvare più alberi possibile compatibilmente con la sicurezza dei cittadini – dice Querci – In bilancio abbiamo messo le somme per una futura e più ragionata piantumazione di alberi autoctoni. Ma il costo dell’operazione per questa messa in sicurezza è stato notevolmente abbattuto dal fatto che la ditta che si occupa dei lavori prenderà per sé il legname di risulta dal taglio e quindi non ci saranno costi per lo smaltimento. All’opposto il Comune ne troverà un vantaggio economico che potrà essere impiegato per il futuro». Lo stesso lavoro verrà fatto in altre zone del Comune, nei prossimi mesi sono infatti previsti sia abbattimenti che potature nelle frazioni di Potassa, Giuncarico, Basse di Caldana e Caldana dove la situazione è migliore ma dove questo tipo di interventi è necessaria.

Fonte