A Castel del Piano i primi eco-compattatori

Mercoledì, 4 Dicembre 2019

Ieri mattina a Castel del Piano, il sindaco Michele Bartalini, l’assessore Renzo Rossi e i tecnici di Sei Toscana hanno inaugurato i due eco-compattatori per la raccolta degli imballaggi in plastica e alluminio e il contenitore per la raccolta dei piccoli Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, come piccoli elettrodomestici, pc, smartphone, cellulari), illustrando ai cittadini il funzionamento delle nuove attrezzature che si trovano in piazza Nassirya all’angolo con piazza Rosa Guarnieri Carducci. Soddisfazione per gli amministratori locali che con questa nuova istallazione considerano iniziato il nuovo percorso virtuoso di smaltimento dei rifiuti. Il comune di Castel del Piano è il primo territorio del monte Amiata a dotarsi di questi nuovi cassonetti. I due eco-compattatori e il box sono a disposizione di tutti i cittadini per la raccolta differenziata. Soddisfatto l’assessore Renzo Rossi che adesso guarda con ottimismo al futuro. «Questa installazione è un altro mattone per la costruzione di un nuovo e più virtuoso sistema di gestione dei rifiuti nel nostro comune – dice Renzo Rossi, assessore all’ambiente del comune di Castel del Piano –e l’interesse che stanno suscitando le varie azioni dirette a questo obiettivo danno grandi stimoli e forza per il futuro. Gli eco-compattatori in particolare rappresentano un esempio di educazione al riciclo dei rifiuti. Un’educazione che parte dalle piccole quantità, con nuovi comportamenti che abitueranno i cittadini alla raccolta ottimale della differenziata che sarà prestissimo attivata con i cassonetti di prossimità. In più stiamo lavorando per allargare il messaggio anche alle attività commerciali in modo da poter attivare una sinergia tra conferimento dei singoli cittadini e risparmi conseguenti. Conferimento corretto, - continua l’assessore - riduzione dello smaltimento, riciclo e risparmi per i cittadini: questa è la sinergia che cerchiamo e che vogliamo raggiungere». I tre nuovi contenitori sono tutti dotati di un dispositivo che permetterà di riconoscere l’utente che conferisce il rifiuto tramite la 6Card, la tessera che assocerà ogni conferimento ad una singola utenza Tari così da premiare i cittadini più virtuosi e più attenti all’ambiente. Questo consentirà, non appena possibile, di introdurre un sistema di tributo puntuale legato all’effettiva produzione dei rifiuti e al reale impegno dei cittadini nella differenziazione dei materiali. Sempre in materia di raccolta dei rifiuti novità importanti riguardano anche Castell’Azzara e nello specifico il servizio di raccolta differenziata. Come dettagliamo nell’articolo qui accanto, Comune e Sei Toscana hanno deciso di riorganizzare il porta a porta con l’introduzione dei mastelli con codice RFID per la raccolta del rifiuto indifferenziato. I nuovi mastelli consentiranno di associare ogni conferimento alla singola utenza iscritta al ruolo Tari del Comune e, in futuro, calibrare la tariffa sulla base dei rifiuti effettivamente prodotti.