Rifiuti, fototrappole per i furbetti

Venerdì, 2 Agosto 2019

DA OGGI attenzione a dove vengono lasciati i rifiuti. Il Comune di Follonica ha attivato le foto- trappole per individuare e rilevare eventuali comportamenti scorretti nel conferimento dei rifiuti. Si tratta di un servizio concordato con il gestore unico dei rifiuti Sei Toscana, per individuare e rilevare eventuali comportamenti scorretti nel conferimento dei rifiuti nei luoghi ritenuti maggiormente sensibili all’abbandono di essi. Le apparecchiature saranno mobili e potranno così monitore gran parte del territorio comunale; il servizio prevede anche l’utilizzo di una speciale foto-trappola, denominata «e-killer», dotata di telecamera ad alta definizione capace di registrare anche in orario notturno. La foto-trappola può registrare anche a diversi metri di distanza, può essere facilmente nascosta nei luoghi più impensabili, come dentro auto civetta, in mezzo alla vegetazione, sopra tetti o balconi ed è dotata di un sistema capace di memorizzare nella scheda video solamente i momenti in cui si registra un movimento nel luogo monitorato, come appunto il conferimento dei rifiuti. Grazie ad una specifica applicazione inoltre, è possibile visionare da remoto in tempo reale le immagini registrate sia da postazione fissa che su apparecchiature mobili, come smartphone e tablet. Intanto l’assessore all’ambiente Mirjam Giorgieri inaugura insieme al sindaco Benini i 24 nuovi cestini per la raccolta dei rifiuti che l’amministrazione comunale ha acquistato e installato, tramite il gestore Sei Toscana, in via Roma, via Amorotti, via Martiri della Niccioleta e via Giacomelli: 12 serviranno per la raccolta del multimateriale e 12 per la raccolta del rifiuto non differenziato. «Abbiamo investito - dichiara l’assessora all’ambiente Mirjam Giorgieri - per migliorare il decoro delle vie cittadine del passeggio e permettere anche a chi si trova in via Roma e nelle vie limitrofe di poter gettare i propri rifiuti in maniera differenziata. «L’installazione dei cestini in centro – continua Giorgieri - non esaurisce un’attività di ridistribuzione dei cestini che dovrà proseguire in tutta la città nei prossimi mesi. La presenza dei cestini è, non solo utile, ma decisamente necessaria per agevolare il rispetto della pulizia e del decoro urbano. La presenza dei contenitori non va, però, considerata occasione per un conferimento generalizzato di rifiuti domestici che devono, invece, essere conferiti secondo le modalità di raccolta attive in ciascun quartiere. La città va rispettata e dobbiamo collaborare tutti quanti per mantenerla pulita; invito quindi tutti ad utilizzare i cestini, vecchi e nuovi, in modo decoroso e a non gettare i rifiuti a terra ».