La gestione efficiente dei rifiuti nei sentimenti ambientali più importanti degli italiani

Giovedì, 30 Giugno 2016

Il 52% degli italiani si ritiene informato sull’argomento rifiuti. Il 93% dice di fare la raccolta differenziata, e di questi il 60% dice di farla perché lo ritiene importante. E’ quello che è emerso dallo studio presentato allo scorso Forum Rifiuti dal titolo “Il sentiment degli italiani e i temi ambientali” a cura dell’istituto Lorien Consulting, secondo il quale gli italiani vedono in una corretta ed efficiente gestione dei rifiuti una garanzia di rispetto e tutela ambientale. Una inefficiente gestione, infatti, è vista come una delle principali minacce per l’ambiente dal 28% degli intervistati.  Sono dati positivi che dimostrano come il tema dei rifiuti, la qualità dell’ambiente, l’inquinamento e la sostenibilità siano sempre più nei pensieri degli italiani e acquistino una nuova centralità tra gli argomenti principali di preoccupazione ed attenzione. Allo stesso modo, però, fa riflettere come vi sia un evidente scostamento tra questi numeri e quelli che ogni anno vengono consuntivati e certificati come indici di raccolta differenziata e riciclo e che vedono contrapporre situazioni di assoluta eccellenza ad altre evidentemente insufficienti, dimostrando come troppo spesso vi sia una consapevolezza ed una conoscenza sommaria dell’argomento. Se infatti da una parte aumenta la convinzione che la maggiore influenza nel salvaguardare l’ambiente e le risorse la esercitino proprio i cittadini con il loro comportamento, dall’altra non si conosce ancora affatto quello che rappresenta il cuore pulsante dell’economia circolare fatto di impianti che riciclano e recuperano materia. Il 23% degli italiani pensa infatti che i rifiuti raccolti in maniera differenziata vengano rimessi tutti insieme e gettati in discarica, mentre c’è anche un 9% che pensa che vadano ad incenerimento. A questi si aggiunge il 30% di coloro che ha dichiarato di non effettuare la raccolta differenziata proprio per gli stessi motivi. Insomma se il 93% degli italiani fa veramente raccolta differenziata è giunto il momento che ponga attenzione alla sua qualità, avendo piena consapevolezza che i materiali raccolti seguono tutti un percorso diverso tra loro che porta verso il recupero ed il riciclo, e che questi avverranno più facilmente tanto quanto migliore e di qualità sarà il materiale raccolto.