Presidio e controllo del territorio: Sei Toscana attiva il servizio di ispettori ambientali e foto-trappole in altri due Comuni

Giovedì, 25 Luglio 2019

Informare ed educare cittadini e attività economiche per una corretta gestione dei propri rifiuti e, al contempo, segnalare e sanzionare eventuali comportamenti scorretti. Sono questi i principali compiti dell’ispettore ambientale, il servizio che Sei Toscana mette a disposizione dei Comuni del territorio. Un servizio che può essere potenziato anche grazie all’istallazione di foto-trappole nei luoghi ritenuti maggiormente sensibili all’abbandono di rifiuti. Ad oggi i due servizi sono già pienamente operativi in più di 20 Comuni della Toscana meridionale, fra cui Arezzo, Grosseto, Siena e Piombino, con più di 160 foto-trappole, fisse removibili, e con una costante e continua attività di monitoraggio da parte degli ispettori ambientali sul territorio. Il Gestore, proprio in questi giorni, ha attivato il servizio anche a Follonica, in provincia di Grosseto, e Sansepolcro, in provincia di Arezzo. Le due amministrazioni avranno così a disposizione anche una speciale foto-trappola, denominata “e-killer”. Si tratta di un’apparecchiatura di ultima generazione, dotata di telecamera ad alta definizione capace di registrare anche in orario notturno. La foto-trappola può registrare anche a diversi metri di distanza, può essere facilmente nascosta nei luoghi più impensabili, come dentro auto civetta, in mezzo alla vegetazione, sopra tetti o balconi ed è dotata di un sistema capace di memorizzare nella scheda video solamente i momenti in cui si registra un movimento nel luogo monitorato, come appunto il conferimento dei rifiuti. Grazie ad una specifica applicazione inoltre, è possibile visionare da remoto in tempo reale le immagini registrate sia da postazione fissa che su apparecchiature mobili, come smartphone e tablet.

Per informazioni su ispettori ambientale e foto-trappole clicca qui.