Una corretta gestione dei RAEE fa bene anche al clima

Giovedì, 25 Giugno 2015

Circa 76.000 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche raccolte, con oltre 880.000 tonnellate di CO2 evitate in un anno e un risparmio energetico di oltre 87,8 milioni di kWh di corrente elettrica. Il “Rapporto di Sostenibilità 2014”, presentato a Roma da Ecodom, mette in luce i benefici ambientali e il contributo alla mitigazione dei cambiamenti climatici di una corretta gestione dei Raee. Nel 2014 in Italia, sono state 75.985 le tonnellate di Raee (come frigoriferi, climatizzatori, lavatrici, forni, cappe e scalda-acqua) trattate da Ecodom, il Consorzio italiano per il recupero e il riciclaggio degli elettrodomestici. Questa attività ha consentito il riciclo di 66.857 tonnellate di materie prime seconde. In particolare: 45.624 tonnellate di ferro (quanto necessario per costruire sei Tour Eiffel), 1.670 tonnellate di alluminio (sufficienti per produrre 104 milioni di lattine), 1.544 tonnellate di rame (equivalenti a quelle necessarie per rivestire 17 Statue della Libertà) e 7.788 tonnellate di plastica (che consentirebbero di produrre 3,1 milioni di sedie da giardino). Si è inoltre evitata l'immissione in atmosfera di 882.850 tonnellate di CO2 (pari alla quantità di anidride carbonica generata dal traffico automobilistico dell'intera provincia di Milano per più di 30 giorni) e determinato un risparmio energetico di oltre 87,8 milioni di kWh di corrente elettrica, capaci di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di una città con oltre 75mila abitanti, come Arezzo. Numeri importanti che dimostrano quanto una corretta gestione dei rifiuti possa portare a benefici non solo di carattere ambientale, ma anche economico. E proprio per educare i più giovani ad una gestione virtuosa dei propri rifiuti, in particolar modo dei piccoli RAEE, è da segnalare la partecipazione degli istituti scolastici di Arezzo, in collaborazione con SEI Toscana, al progetto RAEE@Scuola, la campagna di comunicazione e sensibilizzazione per insegnare ai bambini delle classi quarte e quinte elementari che cosa sono i Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) e come vanno gestiti. Il comune di Arezzo è riuscito a classificarsi in quinta posizione con 1835.42 Kg di piccoli RAEE raccolti in tre settimane grazie alla partecipazione di 2.300 ragazzi di 25 scuole. Un risultato di rilievo per la città e un premio all’impegno di studenti, insegnanti e addetti di SEI Toscana che hanno partecipato con entusiasmo al progetto. L’appuntamento con RAEE@Scuola è fissato per il prossimo anno, quando, oltre ad Arezzo, è prevista la partecipazione anche di altri comuni della Toscana del Sud.

Qui la photo gallery della premiazione del comune di Arezzo e SEI Toscana per il progetto RAEE@Scuola.