RAEE: la Toscana si conferma una regione virtuosa

Venerdì, 30 Ottobre 2015

«La Toscana consolida anche nel 2014 il trend positivo dei risultati di raccolta differenziata dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) che confermano l’impegno quotidiano e la sensibilità dei cittadini toscani nella raccolta differenziata, unito alla coscienza della necessità di avviare in via prioritaria a recupero e riciclo i nostri rifiuti in un’ottica più generale di tutela dell’ambiente». Inizia con queste parole l’introduzione dell’Assessore regionale all’Ambiente, Federica Fratoni, al Dossier sulla gestione dei rifiuti da Apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in Toscana per l’anno 2014, realizzato dal Centro di Coordinamento RAEE. I numeri del Dossier evidenziano, infatti, che le quantità raccolte sono state oltre 20 milioni di tonnellate, con una crescita del 2,15% rispetto al 2013 e con una media pro capite che si è attestata a 5,41 kg per abitante superando la media nazionale di 3,8 Kg. Crescono del 3% rispetto all'anno precedente anche i Centri di Conferimento, ovvero le strutture dove i cittadini possono conferire gratuitamente i propri rifiuti elettrici ed elettronici come monitor, computer, radio, condizionatori e elettrodomestici. Sul territorio toscano sono presenti 192 Centri di Raccolta e 24 “Altri Centri” dove conferire questo tipo di rifiuti, vale a dire 6 Centri di Conferimento ogni 100.000 abitanti. La provincia con il maggior numero di Centri di Raccolta ogni 100.000 abitanti è Siena con 16 centri, seguono Arezzo con 10 e Grosseto e Pisa con 8. «Questi risultati ci consentono di valutare positivamente la scelta di sostenere e finanziare in accordo con le Autorità d’Ambito (AAto) la diffusione dei Centri di Raccolta - continua l’Assessore Fratoni nella sua introduzione al Dossier - I Centri di Raccolta contribuiscono in maniera determinante a facilitare le operazioni di raccolta, di trasporto e avvio a recupero di questo flusso di rifiuti che, se abbandonati o destinati a trattamenti non conformi agli standard di legge, possono essere pericolosi per l’ambiente e la salute».

Nella classifica dei raggruppamenti secondo i quali vengono suddivisi i diversi tipi di RAEE, al primo posto si confermano i “Grandi Bianchi” (R2) con il 34% del totale raccolto, seguiti da “Tv e Monitor” (R3) con una percentuale del 27% e da “Freddo e Clima” (R1) con il 25%. Il raggruppamento “Piccoli Elettrodomestici” (R4) aumenta la quota raccolta dell'1% rispetto al 2013, attestandosi al 13%, mentre “Sorgenti Luminose” (R5) si ferma allo 0,33%.

«I risultati della Regione Toscana – pur con qualche aspetto ancora da migliorare - rappresentano uno stimolo importante per tutto il sistema Paese e un ulteriore passo verso le nuove sfide che ci pone l'Europa» ha detto Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento. Tra le province toscane, Arezzo si conferma una provincia virtuosa nella raccolta differenziata dei RAEE: con 5,86 kg per abitante è infatti terza a livello regionale e ben al di sopra degli obiettivi europei.

Proprio il Comune di Arezzo ha partecipato quest’anno, con la collaborazione di SEI Toscana, al progetto nazionale RAEE@Scuola, la campagna di comunicazione e sensibilizzazione per gli studenti promossa dall’ANCI e dal Centro di Coordinamento RAEE,  riuscendo a classificarsi in quinta posizione. Nel comune aretino sono stati raccolti in tre settimane 1835.42 Kg di piccoli RAEE, grazie alla partecipazione di 2.300 ragazzi di 25 scuole.

In provincia di Arezzo, nel 2014 la raccolta complessiva è cresciuta dell’1,62% per un totale di 2.032.989 kg di RAEE. Ottimo anche il dato relativo ai Centri di Conferimento: i cittadini della Provincia aretina hanno infatti a disposizione 33 Centri di Raccolta comunali ed un luogo di Raggruppamento gestito dalla distribuzione, per un totale di 10 strutture ogni 100.000 abitanti, il secondo risultato migliore di tutta la Toscana, dopo Siena che ha 16 strutture ogni 100.000 abitanti e che conferma in questo, il risultato migliore di tutta la Regione.

Cala, invece, nel 2014 il dato della raccolta complessiva nelle province di Siena (-7,17%) e Grosseto (-8,6%) mentre si mantiene ancora positivo il dato della raccolta procapite, con 5,81 kg/ abitante nella provincia senese e 5,7 kg/abitante in quella grossetana. A Siena, nei 41 Centri di Raccolta comunali più il luogo di Raggruppamento gestito dalla distribuzione, sono stati raccolti 1.574.494 kg di RAEE; a Grosseto, dove sono attivi 16 Centri di Raccolta comunali e 2 Luoghi di Raggruppamento gestiti dalla Distribuzione (terzo miglior risultato di tutta la Regione per strutture ogni 100.000 abitanti) sono stati raccolti 1.283.190 kg di RAEE.