Sei Toscana: in programma 150 nuove assunzioni

Giovedì, 13 Settembre 2018

Un programma condiviso per l’assunzione di oltre 150 persone, riorganizzazione dei servizi e del personale operativo per ogni cantiere al fine di ottimizzare efficienza e funzionalità del servizio, necessità di avere al più presto da parte di Ato Toscana Sud l’approvazione del Piano di Ambito così da uscire da una situazione che impedisce alla società un’organica e definita pianificazione delle risorse umane e tecnologiche. Sono questi i tre punti principali emersi nell’incontro fra il management di Sei Toscana e le Organizzazioni sindacali. Al termine dell’incontro la Società e tutte le OO.SS. hanno firmato un verbale di condivisione di un programma che prevede diversi step. Nello specifico, la Società e le Organizzazioni Sindacali hanno concordato di procedere all’assunzione di 45 lavoratori a tempo indeterminato individuati secondo l’ordine della graduatoria dell’accordo sindacale del marzo scorso. L’assunzione di queste 45 persone avverrà all’inizio del prossimo mese di ottobre. L’azienda, in accordo con le OO.SS., si impegna inoltre ad assumere altre 30 persone a tempo determinato, sempre individuate secondo l’ordine della graduatoria dell’accordo sindacale di marzo. L’assunzione avverrà entro la fine di ottobre e comporterà l’acquisizione dei diritti all’assunzione a tempo indeterminato dal 1 gennaio 2019. In questo mese Sei Toscana e le OO.SS. avvieranno una verifica congiunta delle esigenze funzionali alla gestione dei cantieri per l’assunzione di ulteriori 25 persone. Sei Toscana è intenzionata anche a procedere alla verifica dell’inserimento di ulteriore personale nella misura di 50/60 unità con la forma contrattuale più idonea. Tale rapporto verrà instaurato per la durata di almeno un anno e comporterà, a seguito della sua revisione in prossimità della scadenza, la valutazione circa la definitiva stabilizzazione del personale coinvolto. L’azienda si impegna a coprire il turnover per le annualità 2019 e 2020 con l’assunzione a tempo indeterminato nella misura di almeno il 60% attingendo prioritariamente dalle suddette unità.