Divani, lavatrici e batterie. Pugno duro sulle discariche

Domenica, 28 Settembre 2014

Michele Lubrano, assessore alla delegazione portercolese, si accinge a dare il via all’operazione “Porto Ercole pulito”. L’intervento – dichiara l’assessore – è dettato da due esigenze: quella di mantenere il decoro del centro abitato per tutto l’anno, e quella di eliminare i rischi che alcuni rifiuti comportano per la pubblica incolumità.  È già iniziata infatti, la bonifica di alcune zone in cui erano sorte discariche abusive di rifiuti ingombranti, quali divani, lavatrici e altre suppellettili che le persone abbandonano dove capita, anziché rivolgersi a Sei Toscana o conferirli presso l’isola ecologica. Sono stati eliminati anche alcuni relitti di piccoli natanti lasciati nell’area comunale di via Campagnatico. In quest’ultimo caso, le segnalazioni al Comune erano arrivate dall’Ufficio Locale Marittimo di Porto Ercole e gli amministratori hanno subito provveduto ad appaltare i lavori di  rimozione, trasporto e smaltimento alla ditta Ewr di Grosseto.  Ancora più complessa la situazione sul lungomare Marinai d’Italia e alla radice del molo Santa Barbara, era stato il comando della Municipale a segnalare la presenza, attorno a un cassonetto, di filtri, batterie e oli esausti.Il Comune, constatato il carattere di “somma urgenza”, ha preso contatto con la ditta Cn di Talamone che si è detta disponibile a effettuare l’operazione in tempi brevi.