Il Mud cambia pelle, varrà fino al sì al Sistri

Mercoledì, 3 Gennaio 2018

Un nuovo modello di dichiarazione ambientale, in sostituzione di quello vigente, così da poter acquisire i dati relativi ai rifiuti da tutte le categorie di operatori, in attuazione della più recente normativa europea. A adottarlo è il decreto del presidente del consiglio dei ministri 28 dicembre 2017 di «Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2018», pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 2017, supplemento ordinario n. 64. Il nuovo modello sostituisce quello allegato al decreto del presidente del consiglio dei ministri del 17 dicembre 2014, confermato dal dpcm 21 dicembre 2015. Sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare entro il 30 aprile di ogni anno, data prevista dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, con riferimento all'anno precedente e sino alla piena entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri).

Fonte