Nota stampa ritiro ingombranti Castel del Piano

Venerdì, 27 Settembre 2019

In merito all’articolo “Sei "salta" il ritiro per due volte Vicino a casa nasce la discarica” Sei Toscana precisa quanto segue.

Sei Toscana ha seguito in modo corretto la procedura prevista per il servizio di ritiro dei rifiuti ingombranti attiva in tutti i 104 Comuni dell’ATO Toscana Sud. La procedura infatti prevede l’apertura di una “scheda di ritiro” dove vengono indicati, oltre ai dati relativi all’utente che richiede il servizio, la quantità e la tipologia dei materiali da ritirare nel giorno programmato (comunicato all’utente dagli operatori del numero verde), con relativa generazione di un codice numerico identificativo (ticket) da applicare sopra al materiale. Gli operatori incaricati del servizio, nella giornata di martedì 24 settembre, così come concordato telefonicamente con lo stesso utente, hanno provveduto al ritiro di tutti i materiali indicati nella scheda di servizio, segnalando al contempo la presenza di altri rifiuti abbandonati in prossimità del luogo di ritiro. La segnalazione degli ulteriori rifiuti presenti è stata quindi presa in carico dal cantiere operativo di zona che oggi ha provveduto a ritirare i rifiuti abbandonati ripulendo completamente l’area. Il ritiro dei soli rifiuti indicati nella “scheda di ritiro” è necessario per consentire di evadere tutte le richieste degli altri cittadini programmate per quel dato giorno date dagli operatori del numero verde. Ritirare materiale in eccesso e abbandonato in modo indiscriminato infatti, comporterebbe il non rispetto, quindi saltare le prenotazioni di ritiro concordati con i cittadini attraverso il numero verde. Questo perchè tutto il servizio è programmato e calibrato in modo tale da conciliare i quantitativi dei rifiuti da ritirare, la capacità dei mezzi, i tempi di ritiro, di percorrenza verso gli impianti di trattamento e la durata dell’orario di lavoro.

A tal proposito, Sei Toscana ricorda di seguire le indicazioni di conferimento dei propri rifiuti ingombranti che vengono sempre fornite dagli operatori del numero verde: ossia di lasciare i rifiuti difronte la propria abitazione, su suolo pubblico, soltanto la sera precedente il giorno di ritiro prefissato, così da evitare appunto episodi di abbandono indiscriminato di rifiuti così come avvenuto in questo caso.

Comprendiamo la lamentela della signora Rotellini che, non per sua colpa, ha visto crearsi una piccola discarica abusiva a fianco della propria abitazione, ma è necessario capire che l’errore, se così può essere definito, è stato quello degli incivili che hanno visto bene di abbandonare rifiuti in modo indiscriminato su suolo pubblico. Azione questa perseguibile per legge.

Sei Toscana ricorda che per prenotare il ritiro a domicilio sono sempre a disposizione del cittadino diversi canali: è possibile chiamare il numero verde di Sei Toscana – 800127484 –; compilare l’apposito modulo online presente sul sito internet del gestore, www.seitoscana.it; oppure inviare una mail di richiesta a ingombranti@seitoscana.it, specificando quantità e tipologia dei materiali da ritirare e lasciando il proprio recapito per essere ricontattati dagli operatori del numero verde e concordare la data del ritiro. Per una corretta gestione dei propri rifiuti ingombranti, ove presenti (come a Castel del Piano), i cittadini possono avvalersi anche dei centri di raccolta e delle stazioni ecologiche attive sul territorio. Per maggiori informazioni: www.seitoscana.it, numero verde 800127484 o 6App, la nuova app di Sei Toscana disponibile gratuitamente su App Store e Google Play.