“Polemiche fuori luogo. Invece di lavorare per soluzioni condivise si getta benzina sul fuoco”.

Valente sulle dichiarazioni del segretario organizzativo della Uil Fpl

Lunedì, 28 Aprile 2014

Il vice presidente di Sei Toscana, Roberto Valente interviene in merito alla nota scritta dal segretario organizzativo della Uil Fpl. “Le recenti dichiarazioni dei rappresentanti grossetani della Uil Fpl mi sembrano assolutamente fuori luogo, arrivano in un momento poco opportuno e non servono ad altro che gettare benzina sul fuoco. In questi mesi, SEI Toscana ha sempre cercato di avere un dialogo costruttivo e diretto con le diverse organizzazioni sindacali, allo scopo di tutelare gli interessi sia dell’azienda che di tutti i propri dipendenti. Per tale motivo mi sembra quantomeno fuori luogo la sterile polemica dei referenti territoriali della Uil che arrivano peraltro in un momento in cui bisognerebbe invece lavorare per soluzioni condivise, abbassando i toni e cercando di evitare polemiche inutili. Certe dichiarazioni gettano solamente benzina sul fuoco, mentre l'azienda è impegnata con tutti i sindacati alla ricerca di una soluzione condivisa. SEI Toscana intende garantire a tutti i lavoratori dell’azienda lo stesso trattamento, le stesse condizioni contrattuali e le stesse tutele. Mi auguro che anche i referenti territoriali della Uil lavorino in questa direzione. Per quanto concerne gli aumenti cui si fa riferimento nella nota, ancora una volta mi preme sottolineare che non esiste un piano tariffario di Sei Toscana, né una proposta di aumenti presentata dal gestore, per la semplice ragione che le competenze in materia di determinazione della tariffa del servizio e di ripartizione del corrispettivo tra i Comuni appartengono all’Autorità di Ambito, che per legge (legge regionale 69/2011) svolge le funzioni di organizzazione, affidamento, regolazione e controllo del servizio”.