I giovani studenti di Civitella in Val di Chiana fanno visita al centro di raccolta di Mulinaccio

Giovedì, 21 Maggio 2015

Si è svolta ieri mattina la visita guidata delle classi prime delle scuole primarie di Tegoleto e di Ciggiano al centro di raccolta di Mulinaccio. I ragazzi, che durante l’anno scolastico hanno seguito un percorso di educazione ambientale con particolare riferimento alla gestione dei rifiuti assieme alle proprie maestre, hanno avuto modo di visitare la struttura gestita da SEI Toscana che, oltre al capoluogo aretino, è destinata a ricevere anche i rifiuti prodotti nell’attiguo comune di Civitella in Val di Chiana. E’ stato proprio il personale di SEI Toscana ad accogliere i ragazzi, illustrando agli alunni l’organizzazione del lavoro all’interno del centro di raccolta, i mezzi e il  personale utilizzati, le varie tipologie di raccolta e le principali tematiche inerenti la raccolta differenziata dei rifiuti. Ai ragazzi sono state spiegate anche le funzionalità e l’importanza che la struttura assume all’interno della gestione comunale dei rifiuti, e sono stati illustrati i percorsi che ogni tipologia di materiale raccolto segue, dal conferimento nel cassonetto sino agli impianti di recupero e di riciclo. Ad assistere alla visita degli studenti, oltre al personale docente, anche il sindaco del comune di Civitella in Val di Chiana, Ginetta Menchetti e il tecnico comunale Alessandro Forzoni. Al termine dell’incontro, sono stati consegnati ai ragazzi gli opuscoli con le indicazioni per fare una corretta raccolta differenziata e alcuni gadget realizzati in materiale riciclato. “Ciò che abbiamo realizzato stamani è l’inizio di un percorso educativo – riferisce il sindaco di Civitella in Val di Chiana, Ginetta Menchetti – che vogliamo estendere a tutti i nostri giovani cittadini; infatti dal prossimo anno abbiamo intenzione di programmare in collaborazione con le nostre scuole moduli didattici e visite guidate diversificati per le scuole elementari e medie e da realizzare ogni anno, affinché ciascun allievo nel corso del suo ciclo scolastico abbia l’opportunità, a più riprese, di apprendere, riflettere e sviluppare la propria sensibilità ambientale. Abbiamo bisogno di cittadini informati e consapevoli su una delle sfide che ci pone il futuro: il rispetto del nostro ambiente, che significa mantenerlo pulito e risparmiare le risorse che ci offre”. “Siamo felici di poter dare il nostro supporto a questi progetti di educazione ambientale – commenta Simone Viti, presidente di SEI Toscana –. Responsabilizzare da subito al problema dei rifiuti significa infatti iniziare un processo di educazione a comportamenti consapevoli e rispettosi della natura che faranno dei nostri ragazzi dei cittadini amanti della città e del territorio in cui vivono”.