Dopo i lavori di ristrutturazione, apre il centro di raccolta di Radda in Chianti Mugnaini: “Una struttura al servizio dei cittadini e dell’ambiente”

I lavori sono costati circa 73.000 €, il centro sarà gestito da Sei Toscana

Venerdì, 13 Febbraio 2015

Taglio del nastro per il centro di raccolta di Radda in Chianti. La struttura è un’area appositamente attrezzata e custodita dove i cittadini residenti nel comune potranno effettuare, gratuitamente, la raccolta differenziata di quei materiali recuperabili altrimenti destinati a smaltimento in discarica. Una soluzione pratica e veloce che permetterà a tutti i residenti nel comune di Radda in Chianti di provvedere personalmente al conferimento dei rifiuti, con particolare riferimento a quelli voluminosi e ingombranti, contribuendo così a una gestione virtuosa. La struttura è in località Lama dei Frati, vicino ai campi sportivi, e sarà aperta il lunedì dalle 14.30 alle 17.30; il mercoledì dalle 9 alle 12.30, il venerdì dalle 9 alle 12 e il sabato dalle 11 alle 13.30. Il centro di raccolta si estende su un’area di circa 800 mq e negli ultimi mesi è stato chiuso per permettere i lavori di adeguamento e messa a norma ai sensi del D.M. 08/04/2008 e s.m.ii. In particolare, è stata rifatta la pavimentazione della superficie, la regimazione delle acque meteoriche, l’istallazione dell’impianto per il trattamento delle prime piogge e dell’impianto elettrico e la recinzione della struttura, per un costo pari a circa 73.000 euro. Il progetto è stato realizzato dall’ingegnere di SEI Toscana, Dario Mattafirri, mentre la direzione dei lavori è stata seguita dal geometra Alessio Cencioni, coadiuvato dall’ingegnere Giacomo Cenni in veste di responsabile unico del procedimento per ATO Toscana Sud. La riapertura della struttura è stata salutata, fra gli altri, dal sindaco di Radda in Chianti, Pier Paolo Mugnaini e dal presidente di SEI Toscana, Simone Viti. Fra i presenti anche alcune classi della scuola primaria e secondaria di Radda in Chianti.  Nel centro di raccolta comunale di Radda in Chianti potranno essere conferiti rifiuti ingombranti (come poltrone, divani e materassi); apparecchiature elettriche ed elettroniche (come televisori, frigoriferi, videoregistratori e computer, lampade esaurite e neon); rifiuti metallici (come reti da letto, telai di bicicletta e scaffali); farmaci scaduti; pile e batterie; oli minerali e vegetali; vetro; sfalci e potature; legno; cartoni; provenienti dalle sole “utenze domestiche” (le attività commerciali potranno accedere solo previo espletamento dei previsti adempimenti di Legge). “La riapertura del centro di raccolta - afferma il sindaco di Radda in Chianti, Pier Paolo Mugnaini – restituisce alla comunità una struttura che, negli ultimi anni, si è consolidata come punto di riferimento per la raccolta differenziata dei rifiuti sul nostro territorio, coinvolgendo in maniera crescente i cittadini. Oggi, dopo l’intervento di sistemazione e ammodernamento promosso dal nuovo soggetto gestore SEI Toscana, che ringrazio, è possibile offrire alla nostra comunità un servizio migliore e più esteso, in termini di apertura al pubblico e delle tipologie di rifiuti che la struttura potrà accogliere. Per rafforzare il messaggio di educazione ambientale e tutela del nostro territorio, che passa anche da azioni come questa, abbiamo voluto accanto a noi alcune classi della scuola primaria e secondaria di Radda in Chianti, perché i piccoli cittadini di oggi sono il nostro futuro e veicoli importanti per coinvolgere le famiglie in una crescente sensibilizzazione ambientale”. “L’apertura del centro di raccolta - afferma il presidente di SEI Toscana, Simone Viti - è uno degli esempi tangibili dell’impegno di SEI Toscana per migliorare efficienza e qualità del servizio e garantire nel tempo incrementi nelle quantità di raccolta differenziata e di avvio a riciclo, così come previsto dalla programmazione di ambito. L’obiettivo del miglioramento dei servizi è sempre in primo piano ed è nostra intenzione lavorare nello spirito di condivisione e collaborazione con le amministrazioni comunali per individuare soluzioni su tutto ciò che compete al gestore”. Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito www.seitoscana.it e contattare il numero verde di SEI Toscana, 800 127 484.